Autore dei testi teatrali della compagnia Mulino ad Arte

Autore dei testi teatrali della compagnia Mulino ad Arte

Parallelamente all’attività di attore, nel corso degli anni Daniele ha coltivato la passione per la scrittura, realizzando diverse opere teatrali con le quali gira le piazze di tutta Italia, affiancato dalla sua compagnia Mulino ad Arte.

Di seguito i testi scritti da Daniele

CHAOS-Humanoid B12 ” , DROPSHOT , I volti di Hiroshima , LEVEL UPLES JUMEAUX ,MI ABBATTO E SONO FELICE ,Scalo di Luna e Uova Toste.

 

Fiction Tv “La strada di casa” regia di Riccardo Donna

Fiction Tv “La strada di casa” regia di Riccardo Donna

La strada di casa è una serie televisiva italiana diretta da Riccardo Donna trasmessa su Rai 1 dal 14 novembre al 14 dicembre 2017.

Trama
La cascina Morra è in festa per la raccolta delle pannocchie destinate al bestiame. Il proprietario dell’azienda, Fausto Morra, è solito fare loschi affari con i fratelli Crespi, ma Paolo Ghilardi, ispettore veterinario della ASL di Torino, si presenta per una visita di controllo a sorpresa. Fausto, stanco delle insistenti richieste di Paolo, chiede aiuto a Ernesto, responsabile ASL che conosce e copre le sue truffe. Dopo che Paolo si allontana con Fausto per cercare sua figlia Viola, che si era allontanata, di lui non esistono più tracce. Il giorno seguente Fausto resta vittima di un incidente ed entra in coma.

Trascorsi 5 anni Fausto si risveglia dal coma e ovviamente fa fatica a ricordare non solo gli avvenimenti immediatamente precedenti all’incidente, ma anche fatti e persone che ben conosceva. Inoltre, in questo periodo molte cose sono cambiate: la moglie Gloria ha trasformato la tenuta in una sala ricevimenti ed ha trovato in Michele, migliore amico e collaboratore di Fausto, un nuovo amore; il figlio Lorenzo ha abbandonato l’allevamento dei bovini per dedicarsi all’agricoltura biologica, anche se la certificazione tarda ad arrivare; la figlia Milena si è legata al fisioterapista Bashir, il quale potrebbe accettare un’interessante proposta di lavoro in Canada; la figlia Viola frequenta adesso il liceo. A casa trova anche Martino, il figlio che non sapeva di aspettare.

Il risveglio di Fausto provoca degli scossoni non solo in famiglia, dove si era raggiunto un nuovo equilibrio ma anche fuori. Ernesto, ex dirigente della ASL caduto in disgrazia dopo la scomparsa di Paolo, spera di poter ottenere la riabilitazione con la testimonianza di Fausto; i fratelli Crespi invece approfittano dello stato di amnesia confidando a Fausto di essere lui stesso la mente dei loro loschi affari, in questo modo sperano di evitare ulteriori indagini; Veronica vedova di un suo dipendente spera invece di poter ricominciare la loro relazione clandestina.

Mentre la famiglia fatica a trovare i soldi per evitare il fallimento, Fausto decide di sottoporsi ad alcune sedute della dottoressa Madrigali per cercare di recuperare la memoria e capire cosa è davvero successo la notte in cui è scomparso Paolo e capire se è stato davvero lui ad ucciderlo.

Fausto viene arrestato quando ammette di aver ucciso Paolo e di aver compiuto delle truffe per salvare l’azienda. In carcere però si ricorda di aver visto il figlio accanto al corpo del veterinario e che per coprirlo lo ha nascosto nella palude. Il figlio invece gli racconta di aver trovato Paolo già morto e che era scappato pensando fosse il padre l’assassino. Fausto causa di proposito un collasso ottenendo i domiciliari e con l’aiuto di Lorenzo e Irene inizia a cercare le prove contro i Crespi. Il PM Giorgi però scopre che Morra non prendeva le medicine in carcere e così gli revoca i domiciliari ma lui decide di darsi alla latitanza con l’aiuto di Michele che però, d’accordo fin dall’inizio con i Crespi, lo rinchiude in un bagagliaio e manda l’auto allo sfascia carrozze. Fausto riesce a salvarsi e si rifugia da Baldoni scoprendo che Michele ha ucciso Paolo e che vuole prendersi la cascina insieme ai Crespi e tramite la Agrifond, la finanziaria disposta a rilevare alcune quote dell’azienda a patto che non ci fosse alcun Morra a capo e così Lorenzo aveva scelto proprio Michele come presidente. Baldoni pedinandolo lo fotografa con i suoi complici e con l’amministratore della Agrifond. Così Lorenzo lo ricatta e viene portato in un casolare dove i Crespi vogliono ucciderlo ma viene salvato da Fausto ed Ernesto. Nella fuga i Crespi vengono stesi da Morra che, rimasto ferito, si fa dire tutta la verità da Michele prima dell’intervento della polizia. Nel finale Lorenzo rilancia il birrificio e Fausto riapre gli occhi in ospedale.

IL MEDICO PER FORZA DI MOLIERE

IL MEDICO PER FORZA DI MOLIERE

Martina, per vendicarsi delle sonore legnate ricevute dal marito beone, il taglialegna Sganarello, mette in giro la voce che questi è un grandissimo e prodigioso medico, ma essendo un tipo assai geloso della sua scienza, per esercitare la professione ha bisogno di essere convinto a suon di colpi di bastone. Infatti ne riceverà fino a convincersi di essere davvero medico. La cosa però gli farà capire i vantaggi, economici e non solo, della sua nuova professione che improvviserà in modo ciarlatanesco e magistrale, puntando sull’ ignoranza generale in materia. E, seppur ficcandosi in un grosso guaio, alla fine ne uscirà vincitore, salvando due innamorati da un destino avverso.

Una produzione di Mulino ad Arte.

 

CYRANO

CYRANO

Autore: Edmond Rostand

Adattamento e regia: Pierpaolo Congiu

Con: Pierpaolo Congiu, Lia Tomatis, Daniele Ronco

Scenografia: Crab

Costumi: Roberta Vacchetta

Una fedele riduzione in versi della famosa pièce di Edmond Rostand che mette al centro il dramma della disparità tra l’essere e l’apparire e il rapporto con la parola poetica.

Cyrano ama, non ricambiato, la bella cugina Rossana, a sua volta innamorata del giovane e bel Cristiano che però “non sa parlare d’amore”. Cyrano, per amore di entrambi, presta al giovane penna e capacità oratoria e i tre saranno legati dal segreto delle celate identità fino al dramma finale.
L’opera classica che attraversa momenti di comicità e di lirismo vuole restituire il testo nella sua autentica e originaria teatralità per far vivere e risuonare i versi di Edmond Rostand.

 

RASSEGNA STAMPA:

Il sogno è credibile, siamo trasportati dallo sferzare della spada, dall’energia dell’interprete che non cade mai nella prosopopea, che mantiene alta la tensione dei suoi versi e modula con grande padronanza della mimica i momenti del dramma. E i due giovani attori che lo spalleggiano sono allo stesso modo perfettamente dentro i loro ruoli.
Nel finale la pedana gira vorticosa sotto i piedi dell’eroe che ancora si ostina e ancora sferza con la lingua e con la spada, sferza la gravità che vuole vincerlo, le brutture del mondo, la morte ormai vicina. Cyrano infine cade, è morto: la sfida è perduta, ma che bellezza.
Pier Franco Brandimarte su teatrinonline.it

Sintetico, icastico, suggestivo nella sua essenzialità, il Cyrano di Crab Teatro è una pièce fremente di rispetto per l’autore di riferimento, Edmund Rostand, e per il teatro d’altri tempi, quello degli attori che incastonavano storie immense nelle “o” di legno dei palcoscenici elisabettiani.
Maura Sesia – Repubblica

La drammaturgia seleziona e frantuma il testo ma ne mantiene gli equilibri anche nella buona regia, abile in spazi minimi, di Pierpaolo Congiu che è contemporaneamente un ottimo Cyrano.
Maria Dolores Pesce su dramma.it

VINCERE di Marco Bellocchio

VINCERE di Marco Bellocchio

Vincere è un film storico del 2009, diretto e sceneggiato da Marco Bellocchio, con la partecipazione di Giovanna Mezzogiorno e Filippo Timi come principali interpreti. È stato l’unico film italiano in concorso al Festival di Cannes del 2009.

È stato il film più premiato ai David di Donatello 2010, con otto premi su quindici candidature, fra cui quello per il miglior regista.19

CENTO VETRINE

CENTO VETRINE

CentoVetrine è stata una soap opera italiana prodotta da Mediavivere in 15 stagioni dal 2001 al 2016 per le reti televisive Mediaset. Ambientata a Torino, tratta di amore e affari intrecciando le storie di più famiglie legate alla catena di negozi CentoVetrine e alla ditta Ferri. Daniele Ronco prende parte in alcune puntate del 2009/2012.